Joint Stop Technion – Pacbi Letter to University of Turin Academic Senate: Suspend Agreements with Technion

Following the vote by the Student Council for the academic boycott and suspension of agreements with Israeli universities, the Italian Campaign for the Revocation of Agreements with Technion and the Palestinian Campaign for the Academic and Cultural Boycott of Israel (PACBI) sent the following joint letter to the Academic Senate of the University of Turin calling for the suspension of agreements with Technion

To the Academic Senate of the University of Turin

We have recently learned that the University of Turin Student Council voted by large majority for a motion calling for the suspension of academic cooperation with Israeli universities because of their deep complicity in Israel’s violations of international law. The students call in particular on the University of Turin to end its existing agreements with Technion in Haifa. We are writing to urge you to heed the student appeal by taking steps to suspend these academic agreements until Technion ends its deep involvement in violations of Palestinian human rights.

Technion develops joint research programs and collaborates with the Israeli army as well as with Israel’s leading weapons manufacturers, including Elbit Systems. Among the largest private weapons producers, Elbit Systems manufactures the drones used by the Israeli army to deliberately target civilians in Lebanon (2006) and in Gaza (2008-2009, 2014). Elbit provides surveillance equipment for Israel’s wall that segregates and encircles Palestinian communities in the West Bank, declared illegal by the International Court of Justice in 2004.

In addition, Technion gives special benefits for students completing military service in the Occupied Palestinian Territory, directly discriminating against its Palestinian students who hold Israeli second-class citizenship. Palestinian academics, teachers and students are routinely denied academic freedom, the right to education and other fundamental freedoms. In 2004 they have called for solidarity from colleagues around the world through the academic boycott of Israeli academic institutions, a call which echoed by emblematic figures of the struggle for justice such as Desmond Tutu.

Palestinians join their Italian colleagues – including 350 professors and researchers at Italian universities who responded to the call for an institutional boycott of Israel – in appealing to you to exercise your conscience and end business as usual which emboldens Technion.

As Desmond Tutu said, “If you are neutral in situations of injustice, you have chosen the side of the oppressor.” [Emphasis added]

The very least that people of conscience can do to restore freedom, justice and equality for Palestinians is to end all forms of cooperation with institutions that are complicit in serious violations of international law. This is a key step to compel the Israeli government, as well as Israeli academic institutions, to respect international law. We therefore urge you to ensure that your university ceases to be complicit in these violations by voting in favor of the suspension of agreements with Technion. It is only through respect for international law that we can lay the foundations for peace with justice.

Italian Campaign for the Revocation of Agreements with Technion  

Palestinian Campaign for the Academic and Cultural Boycott of Israel (PACBI) 

Notes:

[1] https://www.alaraby.co.uk/english/features/2014/11/9/the-technion-an-elite-university-for-israeli-student-soldiers

[2] https://whoprofits.org/content/elbit-systems-complicity-assault-gaza-2014

[3] http://grassrootsonline.org/sites/default/files/faqs-web.pdf

[4] http://www.tadamon.ca/wp-content/uploads/Technion-English.pdf

Annunci

Lettera congiunta Stop Technion – Pacbi al Senato Accademico dell’Università di Torino: Sospenda gli accordi con il Technion

Dopo il voto del Consiglio degli studenti a favore del boicottaggio accademico e della sospensione degli accordi con gli atenei israeliani, la Campagna per la revoca degli accordi con il Technion e la Campagna palestinese per il boicottaggio accademico e culturale di Israele (PACBI) scrivono insieme al Senato accademico dell’Università di Torino per chiedere la sospensione degli accordi con il Technion

Al Senato Accademico dell’Università di Torino   

Abbiamo appreso che il Consiglio degli Studenti di Torino ha votato in netta maggioranza una mozione che sostiene la sospensione della collaborazione accademica con le università israeliane a causa della loro profonda complicità con le violazioni del diritto internazionale commesse da Israele. In particolare, gli/le studenti/esse chiedono la fine degli accordi esistenti tra l’Università di Torino e il Technion di Haifa. Vi scriviamo per invitarvi a sospendere gli accordi accademici fino a che il Technion non cesserà di essere pienamente coinvolto nelle violazioni dei diritti umani dei palestinesi.

Il Technion sviluppa programmi congiunti di ricerca e collabora con l’esercito israeliano, nonché con le principali aziende produttrici di armi in Israele, tra cui Elbit Systems.[1] Tra i più grandi produttori privati di armi, Elbit Systems fabbrica i droni utilizzati dall’esercito per colpire deliberatamente i civili in Libano nel 2006, a Gaza nel 2008-2009 e nel 2014.[2] Elbit fornisce le apparecchiature di sorveglianza per il Muro di separazione unilaterale che determina la segregazione degli abitanti palestinesi della Cisgiordania, un muro dichiarato illegale dalla Corte internazionale di giustizia nel 2004.[3]

Inoltre il Technion offre benefici speciali agli studenti che compiono il servizio militare nei Territori palestinesi occupati, discriminando direttamente gli studenti e le studentesse palestinesi, vale a dire i cittadini israeliani di seconda classe che non prestano servizio.[4] Gli/le accademici/che, gli insegnanti e gli/le studenti/esse palestinesi si vedono sistematicamente negati la libertà accademica, il diritto all’educazione e altre libertà fondamentali ed è per questo che nel 2004 hanno invitato i loro colleghi nel resto del mondo a esprimere la loro solidarietà boicottando le istituzioni accademiche israeliane, un invito appoggiato da figure emblematiche della lotta per la giustizia come Desmond Tutu.

I palestinesi si uniscono ai/lle loro colleghi/e italiani/e — tra cui 350 professori/esse e ricercatori/trici delle università italiane che hanno accolto l’invito per un boicottaggio istituzionale di Israele — facendo appello alla vostra coscienza affinché mettiate fine al solito “business as usual” che rafforza il Technion.

Come dice Desmond Tutu, “se siete neutrali in situazioni di ingiustizia, in realtà avete scelto di stare con l’oppressore“.

Il minimo che le persone di coscienza possano fare per ristabilire libertà, giustizia e uguaglianza per i palestinesi è porre fine a ogni forma di collaborazione con istituzioni complici di gravi violazioni del diritto internazionale. Questo è un passo fondamentale per indurre il governo israeliano, come anche le altre istituzioni – accademiche e non – dello Stato di Israele al rispetto della legalità internazionale. Per questo motivo, vi invitiamo a fare sì che il vostro ateneo cessi di rendersi complice di queste violazioni e a votare in favore dell’interruzione degli accordi con il Technion. È solo mediante il rispetto del diritto internazionale che sarà possibile porre le basi di una pace giusta.

Campagna italiana per la revoca degli accordi con il Technion 

Palestinian Campaign for the Academic and Cultural Boycott of Israel (PACBI)

Note:

[1] https://www.alaraby.co.uk/english/features/2014/11/9/the-technion-an-elite-university-for-israeli-student-soldiers

[2] https://whoprofits.org/content/elbit-systems-complicity-assault-gaza-2014

[3] http://grassrootsonline.org/sites/default/files/faqs-web.pdf

[4] http://www.tadamon.ca/wp-content/uploads/Technion-English.pdf

First Ever Italian Student Council Approves Boycott of Israeli Academic Institutions

Press release

On March 1, 2017, the Student Council of the University of Turin approved by wide majority (76%) a motion (text below) supporting the academic boycott of Israel, calling for revocation of the agreements between the university and the Israel Institute of Technology – Technion in Haifa. For the first time, an Italian academic body has endorsed the BDS movement as a nonviolent method aimed at ending the continuous and systematic denial of the rights of the Palestinians by the State of Israel.

The decision of the Student Council is part of an ongoing campaign launched in 2016 at several Italian universities in response to a call by professors and researchers – 351 to date – to end the collaboration between Italian universities and Technion, a research institution directly involved, through its collaboration, in the Israeli military-industrial complex. The campaign targets Technion due to the fact that the institute is involved more than any other university in the Israeli military-industrial complex. The institute contributes to the Israel’s regime of occupation, colonialism and apartheid in Palestine. Continua a leggere

Stop Technion welcomes Turin University Student Council vote

The Italian Campaign for the Revocation of Agreements with Technion welcomes the important initiative of the Student Council at the University of Turin. This is an historical moment. Our campaign and the students’ campaigns for the boycott of the Technion, both at the national level and in Turin, are breaking the long tradition of silence of our academic communities. Together, we are following the path of those who brought to the fall of the apartheid regime in South Africa. We are adopting the academic boycott as a way to break the status quo that continues killing and dispossessing the Palestinians. We are sending a message to our colleagues that we should stand for the respect of basic human rights and international legality, and that our collaborations with the Israeli academia, which has a long history of silence and complicity with the Israeli regime of occupation, apartheid, and colonialism, are more and more problematic and amount to an indirect support of the regime itself.

Italian Campaign for the Revocation of Agreements with Technion

Stop Technion accoglie con favore il voto del Consiglio degli Studenti dell’Università di Torino

La Campagna italiana per la revoca degli accordi con Technion accoglie con favore l’importante iniziativa del Consiglio degli studenti dell’Università di Torino. Si tratta di un momento storico per la nostra Campagna e per le campagne studentesche a favore del boicottaggio del Technion che, sia a livello nazionale sia a Torino, rompono il consueto silenzio della nostra comunità accademica.

Adottando il boicottaggio accademico come mezzo per rompere lo status quo che continua a uccidere e a espropriare i palestinesi, stiamo percorrendo la stessa strada di chi in passato contribuì alla caduta del regime di apartheid in Sud Africa. Ci rivolgiamo ai nostri colleghi perché prendano posizione in favore del rispetto dei diritti umani fondamentali e della legalità internazionale, e anche perché realizzino che le nostre collaborazioni con il mondo accademico israeliano, che vanta una lunga storia di silenzio e di complicità con il regime israeliano di occupazione, apartheid e colonialismo, appaiono sempre più problematiche ed equivalgono ad un sostegno indiretto al regime stesso

Campagna Italiana per la revoca degli accordi con il Technion

Consiglio Studenti Università di Torino appoggia il boicottaggio accademico di Israele

Studenti contro il Technion

Comunicato stampa di Studenti contro il Technion

In data primo Marzo 2017 il Consiglio degli Studenti dell’Università degli Studi di Torino si è detto favorevole in netta maggioranza a una mozione (di seguito il testo) che sostiene il boicottaggio accademico d’Israele, chiedendo la revoca degli accordi tra UniTo e il Technion di Haifa.

Per la prima volta un organo accademico italiano appoggia a maggioranza, in una delle più grandi università italiane, il movimento BDS e il boicottaggio come mezzo di lotta non violento per porre fine alle costanti violazioni del diritto internazionale da parte dello Stato di Israele.

La decisione del Consiglio degli Studenti rientra in una campagna studentesca lanciata a livello nazionale nel 2016 da diverse università italiane in risposta all’appello di docenti e ricercatori/trici. Ad oggi, oltre 350 firmatarie e firmatari chiedono la fine delle collaborazioni tra le università italiane e il Technion, istituto con ampio e documentato coinvolgimento nel complesso militare-industriale israeliano. Si tratta di una netta presa di posizione a livello accademico importante che chiede la fine delle collaborazioni con le istituzioni israeliane che contribuiscono o che traggono benefici dalle violazioni del diritto internazionale da parte di Israele e dai loro rapporti e dalle loro complicità con le forze armate israeliane.

Studenti contro il Technion

Continua a leggere

La Rete Ebrei Contro l’Occupazione (ECO) aderisce alla Campagna Stop Technion

rete-eco

di seguito riportiamo il comunicato con cui la Rete-ECO aderisce ufficialmente alla Campagna italiana per la revoca degli accordi con il Technion. 

L’Associazione Ebrei Contro l’Occupazione (ECO) di cui fanno parte alcuni accademici, ha aderito all’appello firmato da oltre 300 accademici italiani, che invitano a non collaborare con il Technion di Haifa, una Università Israeliana che ha collaborato e collabora con il governo di Israele alla produzione e messa a punto di armi e sistemi d’arma che vengono poi usati per la repressione del popolo palestinese, nei Territori Palestinesi Occupati ed a Gaza.. In particolare, l’attività di ricerca del Technion per lo sviluppo di armi sofisticate è servita recentemente per la criminale aggressione a Gaza, che ha portato al massacro di oltre 2200 palestinesi, in gran maggioranza civili, inclusi molti bambini, ed a disastrosi danni alle attrezzature civili ed alle abitazioni della Striscia.

Riteniamo che la solidarietà scientifica tra studiosi non debba applicarsi a istituzioni che, anche se di carattere scientifico, perseguono una ricerca finalizzata ad applicazioni belliche, tanto più in un contesto totalmente illegale, con piena consapevolezza ed accordo sul come queste armi vengono poi impiegate. La non collaborazione si applica al Technion ed altre istituzioni scientifiche che non distinguano la ricerca dalle sue applicazioni belliche. Non si applica invece ai rapporti di ricerca con singoli studiosi, purché questi non siano parte di progetti destinati all’oppressione ed all’aggressione.

ECO giudica illegittime le pratiche dei governi italiani che hanno messo in atto le attuali collaborazioni militari con Israele, e giudica severamente come immorali le attività di quegli universitari e ricercatori italiani che prestano la loro opera in appoggio a tali attività.

Rete-ECO